Torna indietro

5 cose che forse non sai su Agatha Christie e qualche consiglio di lettura

La signora in giallo Agatha Christie, regina del mistero, ha scritto una vertiginosa lista di libri, tra gialli, storie d’amore e racconti brevi. Ecco una lista di curiosità!

La signora in giallo Agatha Christie, regina del mistero, ha scritto una vertiginosa lista di libri, tra gialli, storie d’amore e racconti brevi – circa due all’anno per cinquantacinque anni! – inventando personaggi indimenticabili, intrighi e complotti, vicende e ambienti come nessun altro nella storia della letteratura. Ecco una lista di curiosità su questa scrittrice incredibile, nata in una città costiera del Regno Unito nel 1890, e che non smette mai di trovare nuovi lettori. Sì, perché Agatha Christie non è stata solo un’autrice straordinaria, la più tradotta di sempre, ma anche una donna stravagante e anticonformista, che val la pena conoscere meglio. Non mancano consigli di lettura!


1. Scrivere? Meglio in una vasca da bagno

Difficile trovare l’ambiente ideale per la giusta ispirazione quando si tesse la trama di un libro. Agatha Christie, donna imprevedibile, ha trovato la sua personalissima soluzione: la storia di Addio Miss Marple (pubblicata postuma nel 1976), ambientata in un tranquillo villino vittoriano con protagonista una giovane coppia di sposi, per esempio, l’ha inventata sdraiata nella vasca di bagno di casa, con un cestino di mele a portata di morso. Consiglio per i lettori: questo romanzo è da gustare con una tazza di Infuso Uva nera e Fragola, intenso come la storia raccontata.


2. Camere d’albergo

Assassinio sull'Orient Express (1934), tra i libri più celebri della scrittrice inglese, vede protagonista il leggendario e impareggiabile investigatore Hercule Poirot che, una volta a bordo del treno, deve occuparsi di un delitto tremendo. È stato ucciso il ricco signor Ratchett, quale tra i passeggeri è il colpevole? Agatha Christie scrisse questo romanzo mentre era ospite del Pera Palace Hotel, storico albergo di Istanbul. Nell’albergo, la “Agatha Christie Room”, è la numero 411. Un libro famoso e avvincente: per immergersi al meglio nella trama, è d’obbligo il giusto accompagnamento, ed il delizioso Infuso Melograno e Litchi è perfetto.


3. Il mistero di Agatha Christie

È successo qualcosa di oscuro nella vita stessa di Agatha Christie, qualcosa di molto simile alla trama di un suo giallo. Infatti, la scrittrice scomparve: nessuno sapeva dove fosse finita. Dopo dieci giorni venne ritrovata nel Nord dell’Inghilterra, in una località termale: aveva preso una stanza registrandosi con il nome dell’amante di suo marito, che l’aveva appena abbandonata. Molti anni dopo, qualcuno ha ipotizzato che la sparizione fosse parte di un piano per far sì che il marito venisse accusato di omicidio e occultamento di cadavere! Ma non ci sono prove, rimane un enigma irrisolto. Per approfondire, si consiglia la lettura di La mia vita, biografia della scrittrice, pubblicata postuma nel 1976. Storia di vita intrigante come un romanzo, è da leggere con una tazza del dolce e vellutato Infuso Ananas e Pesca.


4. Pseudonimi

Forse non lo sapete, ma Agatha Christie, scrittrice di misteri e omicidi, ha deciso di cambiare nome quando ha abbandonato il genere che l’ha resa famosa. Nascondendosi sotto il nom de plume di Mary Westmacott, ha firmato libri divertenti o d’amore, sei per la precisione. Il terzo che ha pubblicato si intitola Il deserto del cuore (1944), ritratto di una donna, libro sentimentale e psicologico ma ricco di suspense, con protagonista Joan Scudamore, moglie e madre felice, che si accorge di quanto la sua vita, apparentemente tranquilla, sia diversa da come sembra. Una lettura piacevole, come il gusto dell’Infuso Mela, Limone e Olivello.


5. Timidezza

La commedia La trappola per topi, tratta dal romanzo breve di Agatha Christie Tre topolini ciechi (1948), andò in scena 2239 volte! E nell’aprile del 1958 il produttore decise di celebrare lo straordinario successo con una grande festa in onore della scrittrice. Lei indossò il suo abito più bello, di chiffon verde bottiglia e guanti bianchi lunghi fino al gomito. Stava per entrare nella sala del Savoy Hotel, ma il portiere non la riconobbe e le rifiutò l’accesso. Invece di dire “Lei non sa chi sono io”, la scrittrice venne paralizzata dall’imbarazzo e dalla timidezza e si allontanò docilmente. La storia messa in scena a teatro è contenuta nella raccolta, pubblicata nel 1950, in cui il lettore ritroverà sia Miss Marple che Poirot. Sono nove racconti-gioiello, da leggere lasciandosi catturare, gustando una tazza di esotico Infuso Papaya e Arancia.


5 cose che forse non sai su Agatha Christie  e qualche consiglio di lettura - Bonomelli
articoli correlati